“Diamoci una mano”
il progetto di solidarietà e vacanza nei luoghi del terremoto

Al progetto hanno aderito alcuni gruppi di giovani della diocesi di Cremona che dal 31 luglio si alterneranno in attività e occasioni di incontro e scambio di esperienze.
Dal 31 luglio al 21 agosto alcune parrocchie e gruppi di giovani della diocesi di Cremona saranno protagoniste di un progetto che le chiamerà ad essere fisicamente presenti nei luoghi del terremoto e che sono già stati oggetto del gemellaggio che ha legato la nostra diocesi con quella di Camerino.

Bozzolo, Castelverde, Pandino e un gruppo di giovani afferenti a Drum Bum di Cremona saranno infatti presenti e attivi nei luoghi martoriati dalle scosse per attività di animazione, di incontro con realtà locali, di scambio di esperienza e di consegna di pacchi di aiuto per le famiglie ancora in difficoltà.
Il progetto coordinato da Caritas Cremonese, che fin dagli inizi del sisma si era attivata ed era presente attivamente in aiuto alle popolazioni, dalla Federazione Oratori Cremonesi che ha pensato e proposto agli oratori questo progetto volto a sensibilizzare i nostri giovani verso quelle terre che ancora oggi, nonostante i media siano un po’ meno interessati, sono ancora soggette a scosse ed hanno ancora bisogno di aiuto.
In particolare una ventina di ragazzi di Bozzolo, che sarà alloggiato a Scopoli dal 31 luglio al 5 agosto, sarà impegnato in attività di animazione ludica per i bambini delle parrocchie di Pian di Pieca e San Severino. Saranno di supporto anche all’animazione liturgica, curando i canti di alcune celebrazioni, nella parrocchia di San Liberato.
Da Castelverde una quarantina di ragazzi che dal 6 al 13 agosto saranno anch’essi impegnati in attività di animazione rivolte ai bambini nelle parrocchie di Pian della Pieca e di San Severino e in particolari animando alcuni pomeriggi per gli anziani della parrocchia di Pian della Pieca.
Una decina di ragazzi di Pandino dal 14 al 21 agosto saranno impegnati nelle attività del Grest a Pian della Pieca e nella consueta attività di animazione a San Severino.
Il folto gruppo Drum Bum, una trentina, composto da famiglie con bambini, accogliendo l’invito degli amici marchigiani, hanno organizzato le loro “vacanze solidali” nei luoghi colpiti dal tremendo sisma. Questo aiuta concretamente le realtà produttive, economiche e turistiche locali. Saranno inoltre coinvolti in alcune attività ludiche nei Grest di Pian della Pieca e di San Severino.
Questi ultimi due gruppi, vivranno il loro ferragosto in un clima decisamente originale e solidale con le popolazioni del luogo.
Caratterizzerà la “missione cremonese” la maglia degli animatori dei Grest della Diocesi di Cremona che abbiamo imparato a vedere e riconoscere in questi mesi estivi indossata dagli adolescenti impegnati nelle attività di animazione rivolte a bambini e ragazzi dei nostri oratori.
Naturalmente insieme a i tanti materiali utile ai giochi, alle attività e laboratori, che la Federazione Oratori Cremonese, metterà a disposizione di tutti i volontari che si alterneranno nel prossimo mese in cui la parola Grest risuonerà nelle giornate di quelle zone marchigiane che ci sono ormai familiari.
Il 31 luglio e 1 agosto Nicoletta D’Oria Colonna, operatrice Caritas e responsabile del progetto, insieme a Don Antonio Pezzetti (Direttore Ufficio Caritas Cremonese) e Don Paolo Arienti (Direttore Ufficio Pastorale Giovanile e presidente Focr) saranno nelle Marche per “inaugurare” l’esperienza.

Related posts